TARANTORINO

 Tarantorino è la città ideale, la città del sogno.

Dove il mio cuore sarebbe finalmente in pace e la mia anima totalmente felice.

E’ dove puoi passeggiare in Piazza Castello, visitare l’Armeria Reale e fare magari una capatina alla Mole Antonelliana… e poi scendere giù per via Nitti ed arrivare al mare, passeggiare lungo la sua riva, giungere alla rotonda e sentire il vento salmastro raccontarti le storie di quando tu eri bambina e i tuoi genitori giovani e felici.

Questa è Tarantorino: il luogo di incontro di due grandi culture, la prima parte de nome ancora alla ricerca di sè, la seconda che ha trovato la sua strada e va avanti, contro tutte le avversità. Ad inventare ogni cosa nuova e geniale – tra le prime ad inventare il Cinema, il Salone dell’ Auto, quello della Moda, le Olimpiadi… e lasciarsele soffiare così come una piuma nella tempesta.

Senza rimpianti, perchè Torino ne inventerà di  nuove (e tanto il Salone del Libro non ce l’ha ancora soffiato nessuno, nonostante gli innumerevoli tentativi…)

Taranto mia ce la farà. Degna figlia della bellicosa Sparta riuscirà a trovare la sua strada e a ritrovare la sua dignità.

Il Museo MarTA ne è una conferma.

Nei miei sogni un giorno potrò, nel giro di una manciata di passi, visitarlo subito dopo il Museo Egizio.

ok sono sogni.

Ma anche quelli aiutano a vivere.